17 apr 2016

Il mio gusto preferito

Certe volte mi capita di passeggiare in libreria o negli store online di libri, ed i titoli che scorro mi sembrano sempre, stranamente, simili. Certe volte penso con rammarico che nonostante la grande varietà di romanzi, il gran numero di scrittori e l'accesso alla lettura così facilitato, i lettori si fossilizzano comunque su un genere solo. E' strano, pensateci. E' come se, avessimo a disposizione un mazzo di carte e nell'imbarazzo della scelta, scegliessimo sempre la stessa carta.
Certe volte penso che alcuni scrittori, pur di vendere, scrivono libri già scritti da altri, come un'infinita copia, solo per assecondare la domanda del lettore. Mi sembra una cosa così falsa, non posso credere che a tutti i lettori piaccia lo stesso genere di letteratura, sarebbe come se a tutti piacesse lo stesso gusto di gelato. E' impossibile, eppure nell'editoria succede!
Vi prego, leggete, leggete e leggete ma leggete di tutto. Non fossilizzatevi su un unico genere, non seguite la massa, non siete pecore, abbiate un vostro stile, trovate il vostro "gusto" di letteratura.
Io, ad esempio, vado matta per i libri di Stefano Benni...